Just Keep Moving #029

Oggi sono stanco. L’orologio del computer segna le 18:50, e se davvero esistono giornate più lunghe di altre, questa è sicuramente una di quelle. Vi confesso che provo un po’ di vergogna nel dire che sono stanco, perché ho l’impressione che suoni come un lamento, ma ho deciso di scriverlo comunque. In un post precedente ho detto che avrei raccontato la professione dell’imprenditore nella maniera più sincera possibile, e scrivere slogan motivazionali, oggi, sarebbe una grandissima menzogna. Mi sento soddisfatto di ciò che ho fatto durante la giornata, ma allo stesso tempo sono davvero prosciugato. Ho chiuso e aperto il computer una decina di volte, indeciso se scrivere o meno. La solita vocina mi diceva di farlo domani, ma siccome ho imparato a mie spese che ascoltarla non porta nulla di buono, eccomi qui a buttar giù due righe.

Giornata lunga, dicevo. È iniziata stamattina presto mentre cercavo di smaltire i residui della cena di ieri al ristorante indiano (il chicken tikka è la cosa che più al mondo si avvicina al nettare degli dei, finché non devi digerirlo) e mi preparavo a farmi tatuare l’ennesimo capolavoro di Davide. La mattinata è stata dedicata a quello, e dopo quattro ore letteralmente volate (e un frullato proteico al volo) mi sono buttato a capofitto nel lavoro.

Continua a leggere Just Keep Moving #029

Just Keep Moving #028

Ciao! Quello di oggi sarà il 28º episodio della serie JKM, e il tema di questa puntata sarà il Public Speaking.

Entro subito nel vivo del discorso, e vi spiego come mai ho scelto il termine “Public Speaking” (volutamente in inglese) e non “parlare in pubblico”. La risposta è molto semplice. Ho scelto il termine inglese, perché questa professione in Italia non esiste. O almeno, esiste da molto poco. Ed essendo una professione più che prematura, quasi non viene riconosciuta.

I pochi italiani che la praticano, i cosiddetti public speaker, definiscono se stessi attraverso la terminologia inglese. Che tu lo faccia da una piattaforma online, o da un palco, non ti classificherai mai come parlatore pubblico, ma come speaker.

Ma cosa fa, nella pratica, uno speaker? Lo dice la parola stessa, parla! Viene definito speaker, chiunque trasmetta un messaggio a un gruppo di ascoltatori, usando le proprie parole. Ne esistono di diversi tipi, da quelli che lo fanno in pubblico (cosiddetti public speaker), a quelli che lo fanno attraverso il microfono di una radio (speaker radiofonici), a quelli che lo fanno per trasmettere motivazione (speaker motivazionali), eccetera. Il fine comune di tutte queste figure, è sempre e soltanto comunicare un messaggio a chi le sta ascoltando.

Continua a leggere Just Keep Moving #028

Just Keep Moving #027

Questa mattina mi sono svegliato, e una volta aperto il computer, sono stato salutato da un triangolino giallo ben posizionato sulle cinque linee del Wi-Fi. Nel panico ho aperto chrome, e visto confermata la paura più grande del mondo moderno. Internet non funzionava, ed io ero totalmente scollegato dal mondo.

Ora, per evitare di suonare troppo drammatico, so bene che per collegarmi all’etere mi sarebbe bastato usare la rete mobile del telefono. Un semplice clic su “disattiva Wi-Fi”, ed il gioco sarebbe stato fatto. In un attimo, mi sarebbero state riaperte le porte del mondo in cui tutti, in quantità differenti, buttiamo una parte del nostro tempo.

Nonostante fossi più che tentato, ho deciso di non farlo, perché non volevo distrazioni. Il calendario segna la data “6 gennaio 2019”, ed io non ho ancora scritto il primo post dell’anno nuovo. Se voglio davvero raggiungere l’obiettivo che mi sono prefissato, devo essere costante, e ad oggi non lo sono. Quindi mi sono seduto davanti allo schermo, ho fissato per un po’ il documento bianco di Word (tutte le volte che scrivo con il computer non posso fare a meno di pensare a quanto mi piacerebbe farlo su carta vera), e piano piano sono arrivate le prime parole.

Continua a leggere Just Keep Moving #027

Just Keep Moving #024

Buongiorno, e buona domenica. Quello che seguirà, sarà un breve aggiornamento sul progresso di Venti Decimi. Ci eravamo lasciati nell’ultimo post, con io che raccontavo come avessi individuato 65 punti da rivedere, o riscrivere, nella prima bozza del libro. Era il 27 agosto, e mi trovavo al punto numero 10. Ad oggi, sto iniziando a rivedere il punto numero 44, il che significa che tra 21 punti, la bozza sarà terminata, e pronta per essere letta. Continua a leggere Just Keep Moving #024

Just Keep Moving #023

Ciao! Un po’ di tempo fa, dissi che sarebbero seguiti aggiornamenti al post numero 22 di questa serie, ed oggi è il giorno giusto per farlo. Partiamo da me, la mente che ha partorito tutto questo. Sta finalmente per finire, il mese estivo che odio di più in assoluto. Agosto, secondo il mio modesto parere, rappresenta l’immobilità. Sono tutti con le chiappe al sole, sdraiati in spiaggia a sollazzarsi, che si guardano bene dal fare qualcosa che abbia un non so che di produttivo. Continua a leggere Just Keep Moving #023

Just Keep Moving #022

Ciao! Ti ricordi di me? Come no? Sono io, Marqo con la Q! Quello che scriveva tempo fa, su questo blog disperso nell’etere. Quello bello, simpatico, accattivante, modesto e moderatamente disabile. Quello che ti aveva promesso che avrebbe continuato a scrivere! Ancora niente? Vabbè, fa nulla. Mi dispiace, ma non posso biasimarti. Hai tutte le ragioni di questo mondo! Sono stato assente per troppo tempo, è normale che il mio ricordo sia svanito. Ma veniamo a noi. Continua a leggere Just Keep Moving #022

Just Keep Moving #021

Buongiorno, e buona domenica! Quello che stai per leggere, è il 21º episodio della serie JKM. 21 vittoria, grande baldoria, come direbbe Jim Sturgess nel film dedicato al Black Jack, 21 (se non l’hai mai visto, ti consiglio di farlo al più presto)! Ma veniamo a noi.

Come dicevo nell’ultima puntata, l’obiettivo di oggi è provare a spiegare cosa sia per me, la scrittura. È una domanda che mi sono posto spesso, e a cui faccio fatica a dare una risposta soddisfacente. Partiamo dall’inizio. Nella mia vita, ci sono sempre stati momenti dedicati alla scrittura. Che fossi a scuola, a casa, o in vacanza, ho molti ricordi di me mentre scrivo i miei pensieri sulla carta.

Da bambino, per esempio, avevo customizzato un’agenda della banca che mi aveva dato mia madre, rilegandola con del feltro grigio molto spesso, su cui avevo poi applicato le iniziali del mago più famoso del mondo, HP. Il risultato, non era stato dei migliori, ma quell’agenda era diventata il mio diario, e ne ero terribilmente orgoglioso. Ogni sera, su una nuova pagina, appuntavo gli avvenimenti della giornata, e descrivevo le mie emozioni. Continua a leggere Just Keep Moving #021

Just Keep Moving #020

We, ciao! Siamo arrivati al ventesimo episodio, e questo vuol dire che questa rubrica, dal prossimo post, potrà legalmente bere alcolici negli Stati Uniti d’America. Come passa il tempo! Sembra ieri che ho scritto il primo articolo, e senza rendermene conto questa “cosa” è cresciuta e diventata adulta. Ora, scherzi (e deliri) a parte, direi che si può cominciare a parlare del libro.

Nell’ultimo post, ho detto di aver ufficialmente terminato la seconda parte, cioè quella che ho intitolato “Purgatorio”. Oggi, mentre inauguro la seconda decina di articoli di JKM, ho iniziato a scrivere “Paradiso”. Ho cambiato lo stile narrativo, ma se mi segui da un po’, questo già lo sai. La cosa strana, è che la credevo la parte più semplice da scrivere. E invece, tra ieri e oggi, ho capito che non sarà così. Continua a leggere Just Keep Moving #020

Just Keep Moving #019

Ciao! Ne è passato di tempo. Mea culpa, ho saltato il post di domenica. Era l’ultimo giorno che mio padre passava in Italia, ed ho scelto di stare con lui. In ogni caso, non intendo campare scuse né tantomeno giustificarmi. È andata così, e va bene lo stesso. Quello che intendo fare, in questo 19º episodio, e aggiornarti sugli ultimi avvenimenti.

Ho riiniziato a scrivere, tanto per cominciare. Sono andato avanti con Venti Decimi, ed ho ufficialmente terminato “Purgatorio”. Continua a leggere Just Keep Moving #019

Just Keep Moving #018

Ciao! Buon venerdì! E bentornato al diciottesimo episodio di JKM. Siamo ufficialmente maggiorenni! Non è una sensazione fantastica? Possiamo finalmente firmare le giustifiche a scuola, senza falsificare la firma di nostra madre. Se non l’hai mai fatto, sappi che stai parlando con un falsario di firme professionista. Nella mia carriera scolastica, sono arrivato persino a falsificare quella del preside, ma questa è un’altra storia, che preferisco non raccontare. Si sa mai che un giorno io abbia dei figli, e che leggano proprio questo post! Continua a leggere Just Keep Moving #018