Lei verrà.

A volte mi fermo a pensare. Lei verrà, mi dico. Forse. O forse no? Esiste veramente? Se la risposta è sì, perché io non l’ho ancora incontrata?

Tu hai ragione, certe cose non vanno forzate! Anche perché, forzare l’amore, non ha mai portato niente di buono. E poi non mi voglio buttare nelle braccia della prima che capita. Non sceglierò per paura di non essere scelto. Arriverà quando sarà il momento.

Però che bello sarebbe incontrare la propria anima gemella? Vederla materializzata davanti agli occhi, senza la nebbia della mente che l’avvolge? Scoprirne finalmente i lineamenti. Incrociarne lo sguardo. Sentirne il profumo.

Lei verrà. È questo il mantra che mi ripeto ogni giorno. Ho letto una volta che le anime gemelle sono legate da un filo rosso indissolubile, un filo che, secondo quanto è scritto nelle stelle, prima o poi le farà ricongiungere. Io non credo nel destino, ma mi piace pensare che Lei già esista. Con i suoi pregi, i suoi difetti, le sue paure. Che in questo momento stia sorridendo. Canticchiando una canzone. Magari ballando. E che, di tanto in tanto, volga lo sguardo al cielo, chiedendosi dove sono.

 

2 pensieri su “Lei verrà.”

  1. Tu non lo sai ma c’è qualcuno che appena apre gli occhi la mattina ti ha già nei suoi pensieri, e rimani lì fino a sera fin quando i suoi occhi non si chiudono.
    — Goethe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *