Just Keep Moving #001

Ciao. Oggi inauguro una nuova rubrica. Anzi, rubrica sarebbe il nome adatto se stessi scrivendo per una rivista scandalistica, e questo blog è tutt’altra cosa. Diciamo quindi che inaugurò un nuovo progetto. O meglio, un progetto nel progetto. Se queste prime righe ti hanno confuso, non posso che darti ragione, quindi andrò direttamente al sodo. Ho finalmente deciso di scrivere un libro! E non ho soltanto deciso di scriverlo, quello credo di averlo fatto più o meno una ventina di volte negli ultimi 10 anni, ma ha stabilito un piano d’azione per portarlo a termine. Avevo già parlato di obiettivi in questo blog, di come fissarli e renderli realizzabili. Ho fatto la stessa cosa per il mio libro. Ho stabilito la trama, l’ho diviso in parti, e per ognuna ho elencato i punti fondamentali da raccontare. Insomma, ho fatto quello che fa un architetto quando c’è da costruire una casa. L’unica differenza è che in questo progetto io sarò architetto, geometra, muratore, elettricista, idraulico, piastrellista e imbianchino. Non mi spaventa la mole di lavoro, ma la mia indolenza. Se infatti come architetto sono un fenomeno (nella vita ho fatto piani d’azione che farebbero impallidire anche il più navigato stratega), pecco nella parte in cui c’è da rimboccarsi le maniche e lavorare duramente. Non tanto perché non mi piaccia lavorare o sia io un lazzarone, ma perché ho lo stesso grado di attenzione di un pesce rosso. Mi butto anima e corpo in un progetto, e dopo poco finisco per farmi trasportare da una novità che mi sembra più interessante di quella appena intrapresa. Detto ciò, considero le mie ultime parole come scuse. E siccome un grand’uomo una volta ha detto che le scuse sono l’alibi delle persone mediocri, ed io mediocre non voglio essere, ho deciso che agirò nonostante le circostanze.

Devo compromettermi, ho pensato. E quale modo migliore per farlo se non scrivendolo sul mio blog? Ecco spiegata la natura di questo post. È il primo di una lunga serie di articoli in cui voglio documentare il mio progresso. Vi porterò con me in quest’avventura, raccontando le mie sensazioni, gli ostacoli che mi separano dalla meta, le mie vittorie e le mie sconfitte. Scopriremo quanto è dura lavorare per se stessi (nulla che vale davvero nella vita arriva con facilità), cosa significa darsi delle scadenze e rispettarle (o mancarle miseramente), assaggeremo successo e fallimento e di entrambi descriveremo il sapore. Cosa potrete trarre dalle mie parole, ancora non lo so! Lo scopriremo nel viaggio, insieme, attraverso i vostri commenti e feedback. L’obiettivo, per ora, è documentare il percorso. E dimostrare che, per quanto possa essere difficile il viaggio intrapreso, si può sempre arrivare alla meta.

Stay tuned!

2 pensieri su “Just Keep Moving #001”

  1. Progetto che appoggio al 100%,
    Non sarà SOLO un libro, ma una fonte d’ispirazione per tutti noi e Dio solo sa se questo Mondo oggi non abbia un bisogno estremo di Ispirazione!
    VAI, ALLA GRANDE!
    👋

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *